Il RAPPORTO TRA IL FEMMINILE E IL DENARO


Se sei donna sei dotata anche di energia maschile, se sei uomo sei dotato anche di energia femminile. Tutti, a prescindere dal sesso, abbiamo un’energia maschile e una femminile e abbiamo un’immagine
di un dio interiore maschile una dea interiore femminile.
Ogni creazione deriva dall'unione tra queste due energie, maschile e femminile.

L’energia femminile è come un contenitore vuoto da riempire e l’energia maschile è quella che riempie quel vuoto.
 Anche durante l'atto procreativo, la vulva è il contenitore da riempire e il pene la riempie. 
Da qui nasce la creazione, la nuova vita, il bambino/a.
L’energia femminile è predisposta a ricevere mentre l’energia maschile è predisposta a dare.
 Le due energie, maschile e femminile, dare e ricevere, si trovano, come detto sopra, in entrambi i sessi.

Per dare i frutti, anche in termini di entrate economiche, il dare e il ricevere devono essere bilanciati.
 Per cui se hai problemi economici, o vorresti semplicemente guadagnare di più e non ci riesci, qualcosa nella danza del dare /ricevere dunque maschile/femminile è sbilanciato; forse sei troppo nel dare e non riesci a ricevere.

Quante volte permetti a qualcuno di offrirti qualcosa, anche un semplice caffè, senza sentirti in colpa? Senza avvertire un sottile disagio, senza la sensazione di dover pagare tu?
 Quante volte di fronte alla cassa magari si fa a gara a chi deve pagare il conto?

Tutto questo è legato a un eccesso di energia maschile e a un femminile che non si concede di ricevere.

 →Il suggerimento, per allenare un pò la capacità di ricevere, è di iniziare a svolgere il seguente compito per 7 giorni:

Impegnati a ricevere per i prossimi sette giorni e osservati mentre lo fai, che sensazioni senti e percepisci. Ti senti a tuo agio? oppure provi fastidio? Sii presente alle tue sensazioni.

E' proprio il femminile,  la dea interiore, a  rappresentare la materia, la ricchezza e il denaro. 

  A causa di esperienze personali pregresse, storia personale o altro, questa possibilità di una sana relazione con il denaro potrebbe essere  intaccata. Si percepisce di non avere abbastanza e di non riuscire a migliorare la propria situazione economica.


Nel passato alle donne veniva insegnato che non potevano avere soldi propri, gestire le finanze e guadagnare. 
Questo tipo di memorie nel rapportarsi al denaro, almeno in parte, sono ancora presenti
E questa credenza riguarda non solo le donne ma anche gli uomini, sempre per il principio che nell’uomo vi è una parte femminile. 
Dunque anche quando un uomo riscontra problemi di questo tipo è perché il rapporto con la sua energia femminile non è ancora sano


  • Spesso un’abitudine femminile, che non attira ricchezza, è il disordine in ambito finanziario. Iniziare ad essere ordinati in ambito finanziario. Se intorno a te c’è il caos la ricchezza ti evita.
"Se non sai dov’è il tuo denaro, se non hai uno schedario dove conservare i tuoi documenti importanti, se rovisti nel taccuino per tirare fuori bollette spiegazzate… Mi dispiace, non puoi essere una donna ricca."


  • Rinunciare ad essere delle donatrici a tutti i costiLe donne tendono a spendere per gli altri e molto meno per se stesse. Spesso non si tratta di vero altruismo ma di incapacità a dire no. Per paura di perdere relazioni, si prestano soldi al fratello indebitato, si offrono soldi ai figli con problemi economici ecc..
Se non potete comprare l'ultimo modello di Iphone a tuo figlio, e lo dici, magari inizialmente dissentira ma poi ti rispetterà di più perché gli hai trasmesso un sano amore per voi stessi.

La paura di perdere relazioni e, dunque dire di no, mette a dura prova le tue finanze, sia che tu sia un uomo sia che tu sia un donna. 
In questo caso si può pronunciare la seguente affermazione:

“Metto me stessa davanti a tutto, mi rispetto, mi metto più avanti dei rapporti personali, so dire di no con amore”.


  • Accettare i meriti del proprio lavoro ed essere retribuiti. In molte occasioni capita di dover rendere visibile un risultato, ad esempio si deve pubblicare un libro, o un qualsivoglia prodotto, e ci si deve prendere i meriti per il lavoro svolto. L'uomo solitamente si propone, ed è subito pronto a prendersi i meriti, mentre le donne hanno maggiori difficoltà palesare i risultati raggiunti.

N.B: Questo discorso non vale solo per le donne ma anche l’uomo può avere questo tipo di carenze, legate al suo femminile interiore. 
Spesso l’energia femminile non sana non permette di ricevere l’adeguato merito per il risultato raggiunto, e il compenso per il proprio lavoro.
Al contrario è importante prendersi i meriti per ciò che si fa,  e farsi retribuire adeguatamente per il lavoro svolto.


...To be continued...


Per ricchezza nell'articolo non si intende necessariamente avere tantissimi soldi.
 La ricchezza e l’abbondanza sono prima di tutto uno stato di coscienza. 
Il senso di ricchezza è legato all'essere soggettivamente soddisfatti rispetto al proprio conto in banca, dunque un qualcosa di personale che varia da soggetto a soggetto.

E TU? APPLICHI GIA' QUESTI SUGGERIMENTI O C'E' QUALCOSA CHE VUOI MIGLIORARE NELLA RELAZIONE CON IL DENARO?
Scrivilo nei commenti! 😃


  Social dove mi trovi:
         



Vuoi fare un percorso con me?
Studio Psicologico 
 Catania 
 Cel.3465788897
Consulenza psicologica online
antonellaconsoli1@gmail.com





GUIDA ALLA LETTURA:

Padre Ricco Padre Povero - Kiyosaki
Padre Ricco Padre Povero
Quello che i ricchi insegnano ai figli sul denaro
Robert T. Kiyosaki


Trovare lo Spirito nel Denaro  (Video Seminario) Streaming - Da vedere online Trovare lo Spirito nel Denaro (Video Seminario) Streaming - Da vedere online

Salvatore Brizzi

Compralo su il Giardino dei Libri

La Via della Ricchezza La Via della Ricchezza
Il denaro al servizio dell’umanità
Salvatore Brizzi

Compralo su il Giardino dei Libri

Quello che Devi Sapere sul Denaro e che a Scuola Non Ti Insegneranno Mai Quello che Devi Sapere sul Denaro e che a Scuola Non Ti Insegneranno Mai

Alfio Bardolla

Compralo su il Giardino dei Libri

2 commenti:

  1. Mi ha aiutato molto questo articolo.Mi sentivo una fallita,una disordinata,una generosa a danno di me stessa.Ho respirato un sano egoismo.Ho sempre lavorato come docente di letteratura,ho sempre lavorato per mio marito,presuntuoso medico,per mia figlia,sfaccendata universitaria.Ora ,da questa lettura.ho capito che sono io a sbagliare.Ho dato troppo.Devo correggermi.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, mi fa piacere l'articolo ti sia stato utile.

      Elimina